Orgoglio e delizia calabrese, la clementina è un frutto che nasce dall’incrocio tra l’arancio e il mandarino e deve il suo nome, probabilmente, al Padre Clement Rodièr che fu il primo a sperimentare l’incrocio nel 1940, nei pressi del Convento di Messergin, in Algeria nordoccidentale. Dopo le varie sperimentazioni il frutto ha mostrato di mantenere inalterate le sue ottime caratteristiche ed è così che sin da subito le clementine hanno trovato uno dei loro habitat ideali in Calabria. Le aree di maggiore produzione sono quelle concentrate tra la Piana Di Sibari e Corigliano, nel cosentino, la Piana di Lamezia nel catanzarese e la Piana di Gioia Tauro.

La coltivazione delle clementine ha trovato un ambiente favorevole in queste terre grazie al clima mite e regolare che riesce ad esaltare tutte le migliori caratteristiche del frutto che, solo in Calabria, giunge a maturazione precocemente i primi di ottobre. Le varietà del frutto sono diverse, si parte dallo Spinoso, sino al Comune, quindi Fedele, Hernandina, Tardivo, Marisol e Nules, tutti pressoché apireni cioè privi di semi. Le clementine presentano una forma sferoidale leggermente schiacciata ai poli con dimensioni di circa 16-18 cm. La buccia è liscia, di colore arancio scuro e racchiude una polpa succosa e aromatica.

La clementina di Calabria è ricca di vitamina c, minerali, potassio quest’ultimo indispensabile per regolare il tenore di acqua nei tessuti assicurando così il buon funzionamento del cuore. Il frutto svolge un’importante funzione diuretica e possiede un elevato contenuto di zuccheri. Può essere gustato eliminando la buccia oppure divenire un ottimo alleato in cucina per la preparazione di sciroppi, sorbetti, marmellate e dolci vari. La clementina è inoltre utilizzata anche in cosmesi per la preparazione di lozioni tonificanti per la pelle.

Clicca qui e scopri i nostri prodotti con Clementine di Calabria

Share

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

go top